Monocolin Plus 60CPS

19,90

Contribuisce a mantenere i normali livelli di colesterolo, promuove la funzionalità epatica e protegge le cellule dallo stress ossidativo grazie agli estratti 100% naturali.

Utile per: Mantenere i normali livelli di colesterolo
Ingredienti chiave: Riso rosso fermentato, Berberis, Cardo Mariano, coenzima Q10, vitamina E, B3 e B9
Contenuto: 60 capsule da 550mg

Contenuti medi per 2 capsule

 

adatto ai vegani

senza lattosio

Monocolin Plus è un’integratore 100% naturale a base di estratti secchi titolati di Riso Rosso fermentato, Berberis e Cardo Mariano, con Coenzima Q10, Vitamina E, B3 e B9.

Consigliato per

L’uso di Monocolin Plus è raccomandato a tutti coloro che necessitano di:
MANTENERE I NORMALI LIVELLI DI COLESTEROLO: L’assunzione giornaliera di 10 mg di monacolina K da Riso Rosso fermentato contribuisce al mantenimento di livelli normali di
colesterolo nel sangue. Berberis favorisce la regolare funzionalità dell’apparato cardiovascolare e Cardo Mariano promuove la funzionalità epatica e le funzioni depurative dell’organismo. La vitamina E contribuisce alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo.

Come usarlo

Assumere 1-2 capsule alla sera

Ingredienti

Riso rosso fermentato e.s. (Monascus purpureus: 3% monacolina K); Berberis e.s. (Berberis aristata DC.: corteccia dei rami, 97% berberina); Cardo mariano (Silybum marianum (L.) Gaertn.: frutti, 80% silimarina); Idrossipropilmetilcellulosa; Vitamina E (Acetato di DL-alfa-tocoferile); Vitamina B3 (Nicotinamide); Agenti antiagglomeranti: Biossido di silicio, Sali di magnesio degli acidi grassi; Agente di carica: Maltodestrina; Coenzima Q10; Vitamina B9 (Acido pteroil-monoglutammico).

Fermentato di Riso Rosso: per il controllo dei livelli di colesterolo

Il fermentato di Riso Rosso è un integratore a base di Monocolina K, ottenuta attraverso la fermentazione di Oryza Sativa ad opera di un particolare lievito: il Monascus Purpureus. Il processo di fermentazione genera la Monocolina K che, da un punto di vista chimico e farmacologico, è indistinguibile dalla Lovastatina.Le statine aiutano a migliorare il profilo lipidico ematico, agendo sulla cascata di sintesi del colesterolo endogeno. Infatti il nostro corpo produce e utilizza il colesterolo come costituente fondamentale per le membrane delle nostre cellule e per produrre ormoni (mineralcorticoidi, glucocorticoidi, ormoni sessuali, etc). In alcune condizioni, riconducibili a un regime alimentare non corretto o a precise patologie come l’ipercolesterolemia familiare, i livelli plasmatici elevati di colesterolo (>200) aumentano il rischio di patologie cardiovascolari. Le statine rappresentano al giorno d’oggi i mezzi farmacologici più efficaci per ridurre selettivamente l’ipercolesterolemia LDL, permettendo di ottenere una significativa riduzione degli eventi patologici. Tali farmaci inducono, inoltre, un miglioramento generale del profilo lipidico riducendo i trigliceridi ed aumentando, con vari livelli d’efficacia, il colesterolo legato alle HDL.

Meccanismo d’azione

Le statine agiscono da inibitori competitivi dell’enzima idrossimeti-glutarilcoenzimaA-reduttasi (HMG-CoA reduttasi), enzima fondamentale nella sintesi endogena del colesterolo. La struttura chimica di queste molecole è estremamente simile a quella di un intermedio di questa sintesi (il 3-idrossi-3-metil-glutaril CoA). Grazie a questa somiglianza la statina si sostituisce ad esso e blocca in modo competitivo l’enzima provocando una riduzione della sintesi del colesterolo e un aumento “riflesso” dei recettori per le LDL a livello delle cellule epatiche, stimolati dall’ipocolesterolemia relativa, con conseguente ulteriore riduzione del colesterolo plasmatico. Il Riso Rosso Fermentato si è dimostrato efficiente nel normalizzare il profilo lipidico plasmatico grazie alla presenza di fitocomplessi che agiscono in sinergia sia da un punto di vista farmacocinetico che farmacodinamico. In farmacia è possibile reperire un preparato di Riso Rosso Fermentato titolato a diverse % di monacolina K (0.4%, 1.5%, 3%, 10%). La dose giornaliera prevista deve essere tale da non superare i 10 mg/die, fissato dal Regolamento Europeo 432/2012, che annulla il limite prudenziale, seppur efficace, di 3 mg/die fissato dal ministero della Salute Italiano. Riguardo agli altri estratti vegetali utilizzati tradizionalmente (carciofo, aglio) o emersi solo recentemente (fitosteroli, berberina, isoflavoni) come potenziali ipocolesterolemizzanti, le evidenze sono ancora insufficienti per dimostrare tali proprietà.

Spesso comprati assieme